Ulisse

 
fantasmi Sul mare  luccica il nostro amore.
Su questo mare non tira mai vento,
la vela non si gonfia.
Diceva Ulisse,
“ma chi me lo fa fa’,di tornà,
da Penelope con celerità.”
Cominciò per il mediterraneo a vagà,
in lungo e in largo a girà,
ma andà a vedè chi ti andò a incontrà.
La maga Circe, che in maiale,
lo voleva trasformà.
Per il colmo della sorte,
Polifemo ti fece arrabbià,
le sirene,
 simbolo dell’amore perduto,
ti andò a cercà.
Sballottato dalle tempeste,
gira che ti rigira,
per a Itaca attraccà,
ci mise tutto il tempo d’invecchià.
Con Penelope,
che tesseva la su’ tela,
sempre lì a aspettà.
E per su’ fortuna,
il cane Argo,
l’andò a salutà. 


Design downloaded from free website templates.